fbpx
https://d2na4by5v76bmi.cloudfront.net/it/marchi/patek-philippe/
it

Pisa Circle

Entra nel nostro mondo senza uscire dal tuo

Chopard Happy Diamonds: diamanti in libertà

Happy Diamonds è tra le collezioni più iconiche della Maison svizzera: nata nel 1976 da un’intuizione di Ronald Kurowski, al tempo designer da Chopard, che rimase colpito dalla natura selvaggia della Foresta Nera, e in particolare dal riverbero del sole sulle cascate.

NULL
Chopard
203957-5209
Happy Diamonds

La magia dei riflessi di luce e le infinite sfumature arcobaleno delle gocce d’acqua sono racchiuse nei diamanti che nella collezione di Chopard acquisiscono una nuova libertà, quella del movimento tra due vetri zaffiri.

Nasce così il primo orologio Happy Diamonds, il cui mantra divenne il simbolo della Maison Chopard, al contempo allegra ed elegante “Questi diamanti sono più felici in libertà”.

Leggerezza, metamorfismo e indipendenza sono le caratteristiche che da quella prima creazione hanno accompagnato tutta la linea Happy Diamonds di Chopard, stavolta guidata dall’estro di Caroline Scheufele, che ispirandosi all’arte circense da avvio alla linea di gioielli Happy Diamonds, nel 1985.

Dal primo prezioso clown, che portava nella pancia diamanti e pietre colorate e mobili, fino agli elefanti e alle coccinelle, per arrivare al cuore tanto caro alla Maison: il concetto estetico dei diamanti in libertà ha attraversato il tempo, traducendosi di volta in volta in collezioni emblematiche. Da Happy Sport, il primo orologio che abbina l’acciaio ai diamanti (1993), ad Happy Fish (2002), Happy Spirit (2003) e Very Chopard (2010), fino all’ultimo esemplare presentato a W&W, un orologio gioiello tutto al femminile, che celebra il primo modello rivisitandolo in chiave contemporanea.

×